itzh-CNenfrdejaes

Le sciarpe della solidarietà - Concorso 2017

Chilometri di lana e tanto amore per avvolgere chi è nel bisogno

Concorso 8° edizione - “Le sciarpe della Solidarietà”

Anche quest’anno il concorso “Le sciarpe della solidarietà” permetterà a tante persone generose della nostra città e della provincia di donare, lavorando “chilometri” di lana, un po’ del proprio tempo a chi è nel bisogno.
Sciarpe e manufatti strapperanno un sorriso di gratitudine a chi è emarginato e sofferente e spera di sentirsi amato e protetto. Politiche sociali di vera inclusione spianano la strada della condivisone mettendo in campo “squadre” vincenti perché generose e cariche di umanità. Le sacche di povertà , presenti sempre più numerose nella nostra città, chiedono non tanto delle cose ma soprattutto delle relazioni vere, le sole capaci di sensibilità attenta e generosa. Sono certa che anche quest’anno sia alla Casa della Giovane che all’Armadio del povero giungeranno centinaia di lavori preziosi per il buon gusto ma più che altro preziosi perché carichi di quell’amore capace di scalare le montagne dell’indifferenza.
I colori della condivisione sono un segno preciso di un gesto d’amore.
Presso la nostra Casa sono pertanto disponibili tanti gomitoli per sostenere la generosità di chi lavora con tanto impegno.
Le nostre ragazze stanno già raggiungendo le varie Case protette per alimentare la voglia di lavorare delle tante donne capaci di utilizzare i “preziosi” fili della condivisione.
E’ questa un’ottima occasione perché si sviluppi una tenera amicizia fra giovani ed anziani, in modo da mettere insieme l’esperienza con l’energia.
Strade e ponti saranno riaperti da tanti cuori generosi ed una via senza confini saranno percorsi da una generosità “gioiosa”, che farà da luce di fondo alla nostra iniziativa benefica per permettere di raggiungere chi è in attesa di un gesto generoso di amicizia e condivisione.
Pertanto per il settimo anno consecutivo l’ACISJF - Protezione della Giovane - indice un concorso per la realizzazione delle “Sciarpe della Solidarietà”, che saranno donate ai poveri della città attraverso l’Armadio del Povero per coprire con tenerezza i bambini del nostro territorio. Altre sciarpe andranno alle Case di riposo, perché la solidarietà faccia da ponte tra generazioni differenti.
Una formazione permanente e globale, radici a cui attingiamo quotidianamente, sarà oggetto di una riflessione che porterà senz’altro i frutti del cuore.
Anche con questa iniziativa trasformeremo la nostra città in un laboratorio ricco di fantasia e di condivisione. Sarà un’occasione per fare insieme rete, squadra e nel contempo mettere in campo un agire profetico e carico di veri valori.
Il dono arricchisce non solo chi lo riceve ma anche chi riesce a tradurre in concreto le proprie capacità. Si affermano così dei valori veri, i soli capaci di dare la possibilità di sentirci parte di una comunità che è in cammino per le strade del mondo per realizzare degli incontri importanti per seminare la cultura del dono.
In un momento in cui manca il lavoro per tante persone è necessario un supplemento d’anima che venga tradotto in impegni di servizio alla Comunità civile a cui apparteniamo.
Anche i piccoli Progetti ci permettono di sentirci tutti parte di una “Casa Comune” in cui un volontariato libero e profetico potrà testimoniare in modo delicato che

“Nessuno ha tutto, ma nessuno ha tanto poco da non avere nulla da dare agli altri”.

Saranno premiati attraverso questa iniziativa quei lavori che sapranno intrecciare i preziosi fili della Speranza con la difficile realtà di chi è nel bisogno.
Questo Premio speciale vuole infatti unire buon gusto, fantasia e spirito di fraternità.
Anche gli strumenti più semplici possono trasformare un piccolo gesto d’amore in un atteggiamento culturale. Pensare agli altri fa bene innanzi tutto a noi stessi ed il passare dall’individualismo al bene comune produce degli effetti molto positivi.
Il “vento della solidarietà” dovrà far vibrare tanti cuori mentre le “Sciarpe della solidarietà” dovranno avvolgere le persone come una carezza. Tempo, cuore e vita messi al servizio degli altri possono cambiare gli spazi in cui viviamo mentre sui rapporti e sulle relazioni umane sincere possiamo costruire l’anima più “vera “della nostra città, rendendola capace di una visione larga e carica di vita.

Disponiamo di lana nuova per agevolare questainiziativa benefica, ma potrà essere usata anche lana riciclata.
Quest’anno le persone che lavoreranno in favore di questo progetto saranno premiate in modo virtuale in quanto riceveranno dalla nostra Associazione piccoli cofanetti di monete di cioccolato, per unire simbolicamente la laboriosità e la “dolcezza” del riconoscimento. Un attestato di “benemerenza” e doni speciali, premieranno i 20 lavori migliori che saranno valutati da una commissione composta anche dalle “ragazze” della Casa della Giovane, che attendono con ansia i capolavori da premiare mentre stanno sferruzzando. Come sempre sarà donata a Papa Francesco una sciarpa bianca, la migliore del concorso, come segno della nostra gratitudine e del nostro affetto.

gdp 20170801